Parole di carta

dampyr

E quando ormai manca poco che il tempo sembra inchiodarsi alle lancette che camminano piano, invece di galoppare verso un nuovo giorno e verso un nuovo inizio.

“Avere molto tempo” non si traduce sempre in “fare tante cose”.
Anzi.
Nel mio caso “avere molto tempo” si è tradotto in “generare troppi pensieri”.
E spesso sono malsani.

Poi arriva un regalo inaspettato. Un regalo di carta. Da parte del mio fratellino, che ormai è grande, ma che per me rimarrà sempre il piccolo della famiglia. E mi rasserena.
Viviamo lontani da sempre. L’ho visto crescere a distanza. Ci siamo conosciuti da grandi. E la maggior parte delle volte parliamo di cose leggere, ridiamo e lasciamo che il tempo passato insieme si riempia di chiacchiere alcoliche, spesso stupide e inutili.

E invece.

Mi regala parole di carta che vanno dritte al cuore.

dampyr_1

dampyr_2
Lamiah vive!
Dampyr – numero 164

Blogger e web writer. Non scrivo storie, scrivo di emozioni che tracciano un racconto. Nessun progetto dietro le quinte del blog. Scrivere non per diventare qualcuno, ma solo per essere una che le cose le scrive invece che dimenticarle.
Articolo creato 1002

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: