Carrie – lo sguardo di Satana

Ho amato la pellicola di Brian de Palma. Ho divorato in un solo pomeriggio il libro di Stephen King.  Mi sono immedesimata nella protagonista tanto da desiderare [e sperimentare] i poteri telecinetici.

Ho visto la prima volta Carrie l’estate del 1984. Mi ero trasferita da poco e odiavo tutto del paese dove ero finita. Una televisione locale, con pochi mezzi ma tanta voglia di esserci, metteva i film in loop per l’intero pomeriggio. Salivo nell’appartamento in ristrutturazione mentre tutti dormivano, e in completa solitudine, vedevo e rivedevo il film, pomeriggio dopo pomeriggio, fino a che non l’hanno sostituito con qualche film di Pierino.

Sono molto legata alla pellicola del 1976, ma la regista Kimberly Peirce ha diretto un altro paio di film in maniera così cruda e dura, che le voglio dare fiducia.

E intanto aspetto.

Blogger e web writer. Non scrivo storie, scrivo di emozioni che tracciano un racconto. Nessun progetto dietro le quinte del blog. Scrivere non per diventare qualcuno, ma solo per essere una che le cose le scrive invece che dimenticarle.
Articolo creato 1003

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: