lezione #3

Di persone stupide nella mia vita ne ho incontrate.
Come tutti.
Come sempre.
E ancora non mi ci abituo. Nemmeno un po’. Nemmeno con un po’ di buona volontà.
Non li capisco. E non voglio comprenderli.

Come si fa a giustificare il comportamento della mia collega che fa di tutto per poter uscire dopo di me?
Per poter dimostrare, prima di tutto a se stessa, che è migliore di me?

Funziona così: quando è l’ora in cui vorrebbe andare via, ovvero non ha più nulla da fare, chiede a me a che ora intendo uscire. A qual punto escogita ogni futile motivo per poter rimanere, salvo poi imboccare la porta di uscita al massimo 3 minuti dopo di me.
Come lo so?

Un po’ lo sospettavo.
Un po’ ho atteso nell’androne che il pesciolino rimanesse intrappolato nella rete.
E non mi ha delusa.

Blogger e web writer. Non scrivo storie, scrivo di emozioni che tracciano un racconto. Nessun progetto dietro le quinte del blog. Scrivere non per diventare qualcuno, ma solo per essere una che le cose le scrive invece che dimenticarle.
Articolo creato 1002

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: