Pirata dei Caraibi: oltre i confini del mare

Pirata dei Caraibi 5

Finalmente Pirati dei Caraibi è finito.
Nessun nuovo episodio per ammirare ancora Johnny Deep nei panni di Jack Sparrow, e questo non fa che rendermi felice. E ve lo dice una che li ha visti tutti, al cinema, e il primo giorno in uscita.

Il film è godibile, assolutamente da vedere per chi ha amato gli altri capitoli della saga, ma manca della freschezza del primo, fortunatissimo, episodio: La maledizione della prima luna.

Ormai siamo abituati al pirata che approfitta di ogni situazione per un suo tornaconto personale, che si allea con chiunque dimostri più forza voltando le spalle anche a se stesso, ai duelli con lo sguardo non del fiero condottiero ma sempre fra lo sbruffone e l’incosciente, le scene degli equilibri instabili mentre tenta di scappare. Questa volta viene proposto in inizio di film con Jack in equilibrio precario su due carrozze.

Sentitissima la mancanza di Orlando Bloom, e anche di Keira Knightley. A sostituire la protagonista femminile una Penelope Cruz che non regge minimamente il confronto con Capitan Jack Sparrow.

È divertente, battute mai scontate nè banali, che strappano un sorriso sincero. Un episodio quasi a sè stante, che funziona benissimo anche senza gli altri tre.
Però sono contenta sia finito.

Ora non mi resta che comprare il cofanetto e gustarmeli seduta comodamente sul divano di casa.

Comunicatrice pubblica, blogger e web writer. Non necessariamente in questo ordine.
Articolo creato 996

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: