lavatrice

la bella lavanderina

La rottura della lavatrice mi ha catapultato in un film americano [o telefilm, scegliete voi].

Ogni settimana devo decidere in quale giorno svuotare il portabiancheria, armarmi di borse divise per colore, cesta e tanta pazienza per andare a chiudermi almeno due ore in una lavanderia a gettoni.
Proprio quelle che si vedono in tanti film americani, quelle che la mia [ex]amica, di ritorno da New York, mi confessò che facevano diventare tutti i bianchi grigi, e i colorati pure.

Già vedo le facce di disgusto, perché noi non siamo abituati a lavare le nostre cose in promiscuità.
Quello che va bene oltreoceano, qui suscita orrore.
E anche se racconto che dentro c’è una tipa che che tiene pulito, nel pensiero comune il concetto di “igiene” e “pulizia” non regge nemmeno nei lavaggi a 60° con due pastiglie di Napisan.

In realtà l’unica vero orrore è infilarmi nelle lenzuola pulite del letto di casa mia e sentire la puzza delle lenzuola da hotel, quelle lavate in serie, e dormire con la percezione di odore di vacanza nel naso e la sveglia sul comodino che suona alle 6.

Ho un lavoro vero di cui non parlo mai, preferendo definirmi blogger e web writer
Articolo creato 984

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: