Questo blog compie dieci anni. E ha un libro da regalare.

Pubblicato il 8 commentiPubblicato in Cose che accadono, Cose da blogger

Era il 23 gennaio 2007 quando decisi di aprire questo blog. Allora non si parlava di strategia, né di calendario editoriale. Il fine ultimo di avere un blog non era di ottenere gadget o incarichi pubblicitari da parte delle aziende. Allora si scriveva. E basta. Rileggendo i miei vecchi post provo nei loro confronti affetto mista […]

Inseguite la realtà. Un consiglio da chi ha fatto dei sogni il suo mestiere.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Cose che accadono, Cose di cinema

A metà dell’anno scorso ho letto e appuntato questa citazione: Di solito si usa sempre la frase: “inseguite i vostri sogni”. Ma io non credo a questa frase, perciò vi dico: “inseguite la realtà”. Con lo scorrere del tempo siamo stati abituati a considerare la realtà come un “cugino povero” dei sogni. Se ci pensate […]

percorsi motivazionali

Ho sempre archiviato come scemenze i percorsi motivazionali .

Pubblicato il 7 commentiPubblicato in Cose che accadono, Cose da blogger

Ho sempre archiviato come scemenze i percorsi motivazionali. Ma sono arrivata alla conclusione che sono delle scemenze se hai chiaro il tuo percorso. O se non ti interessa dove stai andando. Nel mio caso, mi ero persa. Non stavo più bene con me stessa e non mi piaceva quello che mi accadeva intorno. Se hai […]

Il mio dermatologo si è sbagliato. Il cheloide è guarito.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Cose che accadono

Il mio dermatologo si è sbagliato. Il cheloide è guarito. Sono giorni che osservo il tatuaggio che mi sono regalata per i miei quarant’anni. Dopo una serie di tatuaggi rigorosamente neri, l’ultimo è straordinariamente a colori. Scelta dettata da una lunga e tardiva presa di coscienza di me, delle mie potenzialità, delle mie possibilità. Invece del […]

Le cinque cose più difficili da accettare da quando sono in telelavoro

Pubblicato il 4 commentiPubblicato in Cose che accadono

Ho accettato la possibilità di lavorare in remoto prima della nascita di Niccolò. Ogni giorno la distanza casa-lavoro portava via tre ore solo per spostarmi da casa all’ufficio. Mi spostavo con due treni. E tra coincidenze perse, ritardi, scioperi, furto di rame sulla tratta, pioggia di rane, invasioni di zombie, di ore ne passavo molte […]