Cose che accadonoCose di cinema

Fai bei sogni, un film che ho guardato senza pregiudizi

Pubblicato il
fai bei sogni

Fai bei sogni diretto da Marchio Bellocchio, porta lo stesso nome del bestseller di Massimo Gramellini, giornalista de La Stampa, di cui è la trasposizione quasi fedele.
Lo scrivo questo “quasi” fidandomi delle notizie in rete, non avendo letto il libro. Ho visto però come è stata reso in immagini, e la visione mi ha profondamente colpita.

La storia è dolorosa. Un bambino che rimane orfano di una madre molto amata. Questo evento lo porta a diventare un adulto triste, infelice, incapace di trovare l’amore.
Nel mezzo una lezione forte, impartita al protagonista da un suo maestro.

Se… se…
Il se è il marchio dei falliti.
In questa vita si diventa grandi nonostante .
Nonostante le peggiori disgrazie, nonostante le ingiustizie subite.

Coraggio. Ci vuole coraggio.

Ho sprecato almeno 20 anni della mia vita inseguendo dei “se”.
Ho modellato la mia esistenza in base a quello che mi era accaduto, e che invece avrei voluto accadesse.
Ho creduto che a ripetere il mantra del “se” qualcosa sarebbe cambiato.
Mi ha solo attaccata ad un palo, con una catena corta, che mi ha impedito di prendere il volo.

Non inseguite i “se”, ma spiegate le ali e volate verso il futuro che sognate.

 

Ronaldo Oliveira

4 pensieri su “Fai bei sogni, un film che ho guardato senza pregiudizi

  1. Grazie per questo post, non ho letto il libro e non ho visto il film, ma ora mi hai ispirato a leggere o/e vedere. Ti auguro di trovare la tua strada senza bloccarti dai “se”. Non mi ricordo più chi l’ha detto, ma la domanda che ci dovremmo porre non è “cosa succede se lo faccio”, ma “cosa succede se non faccio nulla”. Coraggio, ci vuole il coraggio.

  2. Ho letto il libro che ho trovato stupendo davvero, uno dei più belli libri letti negli ultimi anni. Non ho visto il film ma la frase di Caravaggio dovrei anche io farla mia! Grazie bel post!

  3. Coraggio e ottimismo. Devo imparare che l’importante è fare qualcosa. Anche se non va come l’avevo immaginato non prenderla come una sconfitta, ma come un’esperienza utile per migliorare. Per il film, prepara i fazzoletti.

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi