Cose da blogger

Basta con i corsi motivazionali, ma ho continuato la ricerca della serenità

Pubblicato il
corso motivazionale

Un anno fa scrivevo il post Ho sempre archiviato come scemenze i percorsi motivazionali, ammettendo di averne seguito uno, traendone anche spunti, spinte e vantaggi.
A distanza di un anno ho detto basta ai corsi motivazionali, ma ho continuato la ricerca della serenità. Soprattutto un equilibrio fra il mio lavoro [full time, a tempo indeterminato, che non lascerò] e il mio hobby [per chi ancora non lo sapesse: scrivere questo blog è solo il mio hobby].

Nonostante questo blog sia solo un hobby, ci tengo tantissimo.
Ci tengo affinché i post siano interessanti, e scritti bene.
Ci tengo a pubblicare con regolarità.
Ecco perché la parola che mi terrà compagnia in questo 2018 sarà COSTANZA. Che insieme a quella dell’anno scorso, DISCIPLINA, mi aiuterà a mantenere alta la motivazione.

La ricerca della mia personale serenità passa per una serie di azioni che devo fare prima su me stessa.
E nessun percorso motivazionale potrà aiutarmi in questa ricerca.

Cosa ho fatto per prepararmi ad inseguire la mia personale serenità?
  • Mi sono iscritta ad un corso WordPress sulla piattaforma Udemy. È arrivato il momento di imparare a gestire con più sicurezza lo strumento che mi permette di scrivere quello che voglio, senza stare a preoccuparmi troppo del contenitore che ospita le mie parole.
  • Ho stampato e appeso sulla mia scrivania, a portata di mano, i giorni di pubblicazione. Ne ho scelti due. Due giorni sono fattibili, e cercherò di rispettarli. Ad ogni costo. Inoltre ho stampato e appeso le tag e le categorie del blog: tanto per mantenere il focus centrato. E anche le misure delle foto da inserire per ogni post, in modo da mantenere uno stile uniforme ed omogeneo.
  • Leggendo il post di Maria Chiara Montera ho anche reso più comoda la postazione di lavoro. Svolgo il mio lavoro da casa. Dedico al mio hobby il tempo restante. Ho organizzato la mia postazione in modo che sia comoda. Dopo la lettura del post di Maria Chiara ho cambiato la sedia su cui passo la maggior parte della giornata. E la mia schiena ringrazia.

Programmare potrà sembrare una gabbia. Cercare i buoni propositi potrà sembrare una sciocchezza. Mantenere i buoni propositi uno spreco di tempo e felicità.
Personalmente sono l’unica modalità che riesce a tenere a bada il mio passeggero oscuro. Quello che mi ricorda che siamo tutti solo di passaggio.

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi