Cose che leggoCose da blogger

A me la parola

Blacklands Marsilio Editore

Incurante delle tesi (pseudo)scientifiche di Langone per cui “togliete i libri alle donne: torneranno a far figli”, non solo continuo a leggere, ma i libri me li faccio anche regalare.
E ho accettato la proposta di Marsilio Editore di leggere un e-book e scrivere una recensione sul mio blog anche per un altro motivo: ho l’ipad da un paio di mesi e ancora non l’ho usato come “libro”. Lo ammetto: nonostante la dotazione sono una di quelle che i libri li preferisce di carta. Voglio ancora entrare in una libreria, portare a casa l’opera, annusarla prima ancora di leggerla e alla fine conservarla nella mensola dei miei ricordi non solo in maniera virtuale.

La scelta era fra La donna in gabbia di Jussi Adler-Olsen e Blacklands di Belinda Bauer, e dal titolo il secondo mi è sembrato molto intrigante.
[non senza difficoltà] Ho scaricato Blufirereader e ho appena iniziato a leggere il thriller Blacklands.

E oltre alla recensione, poi potrò raccontare cosa significa leggere un libro al tempo dell’IPad.

blacklands

4 pensieri su “A me la parola

  1. Bella iniziativa di Marsilio. Una volta ebbi modo di recensire un libro: Neverwhere di Neil Gaiman. Ero militare, ero a Pescara e riempivo i vuoti della vita di naja leggendo e potendo scrivere a penna appunti che poi, non avendolo preventivato, avrei riversato su un provvisorio e sconosciutissimo blog. Mi piacerebbe moltissimo poter recensire libri, ma purtroppo non ho il tempo di poter stare dietro a un mio blog, troppe cose ingombrano il mio tempo.
    Leggo molto questo si, la notte, mai di giorno… ecco perché forse chiamai il mio vecchio blog “A che punto è la notte?”.

  2. @R.V. mi scopro a trovare il tempo per scrivere sempre qualcosa su questo blog nonostante tutto. dovresti coltivare le tue aspirazioni.

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.