Cose che leggo

Se qualcuno ruba un libro per te…

Leggere è una di quelle attività che mi vede impegnata fin dall’infanzia.

E non per merito mio, ma di mia sorella che fin da quando ho memoria mi tiranneggiava giocando “alla maestra e all’alunna”, con tanto di compiti a casa e registro dei voti. Sospetto che in realtà mi facesse fare i suoi compiti, rimane il fatto che a 4 anni leggevo e sapevo fare di conto (divisioni comprese). Di quattro anni più grande, capitò anche che si innamorasse del bibliotecario del paese, a cui dava volentieri una mano (gratis), trascinandomi con lei sotto ricatto di mia madre.

Tuffarmi fra le pagine di un libro è diventato poi il mio nascondiglio. Il mio posto segreto. Il mio altroquando.

Poi capita che si infilino 4 libri uno dietro l’altro, uno peggiore dell’altro e si incominci a dubitare della proprie capacità di scelta. O la capacità di scelta degli editori.

Esco a fare due passi” di Fabio Volo: le cose che riesce a raccontare in questo libro sono talmente brutte e imbarazzanti che mi auguro ci abbia messo tanta fantasia e tanta immaginazione. Nemmeno del mio migliore amico vorrei sapere per filo e per segno cosa fa nel bagno, figuriamoci di uno sconosciuto (anche se popolare).

E disse di Erri de Luca: il mio autore preferito, con una storia che non sono riuscita a leggere fino in fondo. Presumo che stia traducendo qualcosa dall’ebraico antico di molto spirituale e si sia lasciato ispirare. Peccato che a me abbia solo fatto fare dei gran sbadigli.

Il diavolo zoppo di Alain – Renè Lesage: mi aspettavo un horror-ironico, non ho trovato nessuno dei due, solo una serie infinita di amori, tradimenti, duelli per amore e tradimenti per passione.

Il divoratore di Lorenza Ghinelli: aspettative alte, tutte deluse. La fascetta recitava: il caso dell’anno e ci sono cascata. Una storia onesta, un po’ di “citazioni”, un racconto breve “stirato” per diventare un romanzo.

Ma si sa. Le vecchie abitudini sono dure a morire, e complice uno scatolone di libri sottratto a casa dei miei genitori, sono tornata ad un genere che ha riempito la mia adolescenza di incubi deliziosi, l’horror. E finalmente leggo qualcosa di Dean Koontz, autore di cui mia sorella aveva collezionato tutti i romanzi e che adesso fanno bella mostra nella mia libreria.

Un pensiero su “Se qualcuno ruba un libro per te…

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.