Fannulloni?

Pubblicato il Pubblicato in Cose che accadono

Ho fatto fatica a trovare un lavoro dopo la laurea? Come tutti, credo.
Ma ad una buona dose di facciatosta ho anche aggiunto molta flessibilità, svolgendo lavori che con quello che avrei voluto fare io non c’entravano poi  molto.

Dopo un paio di anni di precariato, ho guadagnato ben due contratti a tempo indeterminato.
E tutti a battere le mani.
Ma adesso che il contratto a tempo indeterminato l’ho firmato con una pubblica amministrazione devo quasi giustificarmi e spiegare, a volte con allusioni, a volte esplicitamente, che di raccomandazioni non ne ho avute.
Ho sempre lavorato nel settore dei servizi, legata cioè a quei CCNL (contratti collettivi nazionali) che prevedono stipendi bassi, ma che a Luglio erogano la 14^. Una sorta di doppia mensilità, che in realtà è una specie di “fondo” : tutti i mesi l’azienda trattiene un centinaio di euro, che restituisce sotto forma di mensilità aggiuntiva. In pratica, tutti soldi miei, erogati come lo Stato comanda. Soldi che ho sempre utilizzato per le vacanze.
Ma adesso che lavoro nella pubblica amministrazione la 14^ non esiste. In compenso abbiamo il premio di produttività, quello che la riforma Brunetta ha chiamato Premialità.

Quello che una volta in una azienda qualsiasi ricevevo di “diritto” ora me lo devo “guadagnare”. E trovarmi di fronte alla responsabile che mi consegna una pagella, non solo mi ha fatto precipitare in una voragine spazio/temporale, rievocando ricordi scolastici che credevo ormai lontani. Ha fatto anche materializzare la consapevolezza che mi basterà risultare antipatica, non lavativa, non poco produttiva, solo sgradevole, per vedere sfumare la mia vacanza.

Il lato B della pubblica amministrazione.

2 pensieri su “Fannulloni?

  1. la cosa che proprio non mi va giù è che il decreto preveda a priori che “non più del 30 % dei dipendenti di ciascuna amministrazione potrà comunque beneficiare del trattamento accessorio nella misura massima prevista dal contratto”, partendo dal presupposto che si assuma della gente incapace o che non ha voglia di lavorare.

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi