Cose che accadono

Alla ricerca del tempo perduto

Alla ricerca del tempo perduto

Non si può sempre correre.
Non si può sempre pensare a domani.
A volte serve fermarsi e parlare.
Spegnere la televisione e sostare in tranquillità.
Rimettere a posto la scaletta delle priorità.
E allora il nostro divano si trasforma in un canotto di salvataggio nel mare della banalità e della routine quotidiana. Ri-scoprirsi parlando dell’effimero e ridendo di sciocca felicità.
Capire il legame senza paroloni ad effetto.
Sentirsi vicini senza neanche sfiorarsi.
Interrogarsi su che fine hanno fatto le aspirazioni e le convinzioni di una volta.
E alla fine capire che siamo sempre noi.
Cresciuti certo, ma ancora noi, sempre noi.

(per te che mi leggi e sai già tutto)

5 pensieri su “Alla ricerca del tempo perduto

  1. credo di sapere di cosa parli…il messaggio è per una persona che ti è sempre vicina… è vero a volte bisogna fermarsi e fare il punto della situazione, ed è bellissimo quando scopri che tra le mille superficialità della giornata, quella persona ti è ancora accanto come e più di prima.

  2. anche io ho fatto tardi stanotte…alla ricerca del tempo perduto…mi piace questo blog e la citazione di proust di questo post non può che farmi tornare da queste parti…
    :DDD

  3. benvenuta prescia, torna quando vuoi che io non so quando tornerò…lla ricerca delle cose perdute

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.