Cose che accadono

fra precariato e disoccupazione

Sul Resto del Carlino di stamattina ho letto una notizia di cui ora non riesco a trovare traccia. Sarà che non so cercare, ma insomma la notizia è questa.
Tutti i portaborse dei ministri dei partiti usciti dal Parlamento reclamano l’attenzione perchè prima precari e sfruttati, ora disoccupati e non indennizzati.
E il Parlamento si sta muovendo per fargli ottenere qualcosa, povere stelline.
Non credo che per fare quel mestiere lì basti avere un ottimo curriculum e fare domanda.
Soprattutto in giro ci sono tanti precari a cui alla fine viene dato un bel calcio e 6 mesi di disocuppazione a requisiti ridotti, se gli va grassa.
Mi sono domandata, considerato che una busta paga non l’hanno mai avuta, come figurerà questo indennizzo? E con che voce? Indennità lingua felpata? O indennità ginocchia con callo? Meglio ancora: indennità culo di fuoco.

4 pensieri su “fra precariato e disoccupazione

  1. bisogna chiedere al presidente come si tutelava quando faceva il portaborsa di ….ops, qst cose non si possono dire…va a finire che il GF mi scopre e mi mette al centro dei minuti di odio tra la pausa pranzo e il lavoro….shhhhhhhh!!!!!!!!

  2. juliet, la storiella mi sfugge, ma me la racconterai in separata sede.

    bk, bentornato! vedo che hai letto tutto. ma proprio tutto tutto tutto. spero ti sia assentato per belle cose. ci si vede da te!

Sono curiosa di sapere cosa ne pensi